Lettera di Fra Valentino - Amici di Lourdes

Vai ai contenuti
Carissime Amiche, carissimi Amici di Lourdes,
attraverso questo breve messaggio desidero innanzitutto far pervenire il mio più cordiale saluto, con l’auspicio che il periodo estivo appena trascorso abbia offerto a ciascuno occasioni di riposo e di serenità.
L’autunno rappresenta il periodo della “ripartenza” - nel lavoro, nella scuola così come nelle varie attività all’interno delle comunità in cui viviamo - e, in special modo quest’anno, la ripresa si arricchisce di speranza, nell’auspicio di uscire via via dal difficile periodo di pandemia che stiamo vivendo e ritrovare, con le dovute precauzioni, una tanto attesa “normalità”.
È con questo spirito che anche noi, Gruppo di Amici di Lourdes, vogliamo ricominciare il nostro cammino, per continuare a sentirci vicini, seppure nella distanza, mantenendo vive l’amicizia, la condivisione e la volontà di servizio che ci legano.
Considerata l’attuale situazione e le necessarie misure di prevenzione in essere, abbiamo per il momento preferito proseguire l’esperienza della catechesi attraverso il sito Internet www.amicidilourdes.org, con l’obiettivo di riuscire in questo modo a raggiungere il maggior numero di persone possibile.
Come lo scorso anno, quindi, visitando il portale attraverso il computer, il telefono cellulare oppure il tablet sarà ogni mese disponibile una nuova riflessione.
Nel percorso che intraprenderemo, si andrà a leggere insieme la Lettera Apostolica “Candor Lucis Aeternae”, che Papa Francesco ha presentato lo scorso 25 marzo per onorare la memoria di Dante Alighieri nel settimo centenario della morte.

“Cosa può comunicare a noi, nel nostro tempo? Ha ancora qualcosa da dirci, da offrirci?” si chiede il Santo Padre riguardo al “Sommo Poeta” e alla sua Opera.
La risposta è chiara: “In questo particolare momento storico - continua Papa Francesco -, segnato da molte ombre, da situazioni che degradano l’umanità, da una mancanza di fiducia e di prospettive per il futuro, la figura di Dante, profeta di speranza e testimone del desiderio umano di felicità, può ancora donarci parole ed esempi che danno slancio al nostro cammino. Può aiutarci ad avanzare con serenità e coraggio nel pellegrinaggio della vita e della fede che tutti siamo chiamati a compiere, finché il nostro cuore non avrà trovato la vera pace e la vera gioia, finché non arriveremo alla meta ultima di tutta l’umanità, «l’amor che move il sole e l’altre stelle»”.
Una Lettera Apostolica per noi ancora più significativa, in quanto presentata nel giorno dell’Annunciazione a Maria: affidiamo, quindi, alla Madonna questo nuovo cammino insieme e continuiamo a rivolgere a Lei le nostre preghiere, affinché, con l’intercessione di Santa Bernardette, ci accompagni e ci sostenga ogni giorno, in particolare nei momenti più difficili.
Carissime Amiche, carissimi Amici di Lourdes,
nella speranza di poterci presto ritrovare in Pellegrinaggio alla Grotta di Massabielle e a condividere occasioni di fraternità e servizio, non rinunciamo a sentirci “Gruppo” ma, anzi, teniamo sempre vivo il nostro legame, anche - dove possibile - con piccoli gesti di attenzione e generosità.
Ricordando tutti nella preghiera, rinnovo un caro saluto.
Fra Valentino Bellagente O.H.
Created with WebSite X5
Torna ai contenuti