Catechesi Mensile - Nuovo Progetto 1

Amici di Lourdes
Cernusco sul Naviglio
Vai ai contenuti
Catechesi Mensile
Catechesi di Fra valentino Bellagente O.H. assistente spirituale del gruppo

QUINTA RIFLESSIONE: LASCIAMOCI ACCOMPAGNARE DA MARIA
Dalla Lettera Apostolica «Candor Lucis Aeternae» di Papa Francesco
Cantando il mistero dell’Incarnazione, fonte di salvezza e di gioia per l’intera umanità, Dante non può non cantare le lodi di Maria, la Vergine Madre che, con il suo “sì”, con la sua piena e totale accoglienza del progetto di Dio, rende possibile che il Verbo si faccia carne. Nell’opera di Dante troviamo un bel trattato di mariologia: con accenti lirici altissimi, particolarmente nella preghiera pronunciata da San Bernardo, egli sintetizza tutta la riflessione teologica su Maria e sulla sua partecipazione al mistero di Dio: «Vergine Madre, figlia del tuo figlio, / umile e alta più che creatura, / termine fisso d’etterno consiglio, / tu se’ colei che l’umana natura / nobilitasti sì, che ’l suo fattore / non disdegnò di farsi sua fattura» (Par. XXXIII, 1-6). L’ossimoro iniziale e il susseguirsi di termini antitetici evidenziano l’originalità della figura di Maria, la sua singolare bellezza. […] Dante, che non è mai solo nel suo cammino, ma si lascia guidare dapprima da Virgilio, simbolo della ragione umana, e quindi da Beatrice e da San Bernardo, ora, grazie all’intercessione di Maria, può giungere alla patria e gustare la gioia piena desiderata in ogni momento dell’esistenza: «E ancor mi distilla / nel core il dolce che nacque da essa» (Par. XXXIII, 62-63). Non ci si salva da soli, sembra ripeterci il Poeta, consapevole della propria insufficienza: «Da me stesso non vegno» (Inf. X, 61); è necessario che il cammino si faccia in compagnia di chi può sostenerci e guidarci con saggezza e prudenza.

Carissime Amiche, Carissimi Amici di Lourdes,
 
il mese di maggio invita a dedicare la nostra attenzione e a rivolgere la nostra preghiera in modo particolare a Maria.
Anche quest’anno, purtroppo, non abbiamo potuto organizzare il Pellegrinaggio alla grotta di Massabielle, al fine di offrire alla Madonna tutta la nostra devozione, chiedendo Le supporto, conforto e coraggio per affrontare i momenti di difficoltà e ringraziando, nel contempo, per le esperienze di gioia e amicizia che abbiamo sperimentato.
Come già ricordato in altre riflessioni, vorrei continuare a invitare ciascuno a sentirsi “gruppo”, vicini anche se nella distanza, uniti nel ricordo delle giornate trascorse insieme e nella preghiera alla nostra Madre, con il desiderio di tornare - quando possibile - a scrivere nuove pagine di servizio, fratellanza e supporto.
Anche la Lettera apostolica “Candor Lucis Aeternae” di Papa Francesco, che stiamo leggendo mese dopo mese, pone ora alla nostra attenzione la figura di Maria, lodata da Dante Alighieri nella sua Divina Commedia.
La Vergine Madre, sottolinea il Santo Padre, «con il suo sì, con la sua piena e totale accoglienza del progetto di Dio, rende possibile che il Verbo si faccia carne».
Rispondendo in modo affermativo all’Annuncio dell’Angelo, la Madonna ha avuto piena fiducia in Dio, si è affidata a Lui, mettendosi a disposizione per dare alla luce Gesù e realizzare il Suo disegno di salvezza per gli uomini.
Quanto è difficile, oggi, avere fiducia: anche i tristi fatti di attualità che stanno accompagnando le ultime settimane ci comunicano come il dialogo, la collaborazione e l’unità tra persone vengano “assordate” dal rumore delle armi e dalle immagini di sofferenza e distruzione.
E chissà quante volte le insicurezze della società moderna abbiano portato ciascuno a non avere molte aspettative verso il presente ed il futuro, in un mondo - spesso - con poca luce e tante ombre.

«Non ci si salva da soli, sembra ripeterci il Poeta, consapevole della propria insufficienza - continua Papa Francesco -: “Da me stesso non vegno” (Inf. X, 61); è necessario che il cammino si faccia in compagnia di chi può sostenerci e guidarci con saggezza e prudenza».
 
Credo che, questo, sia un messaggio particolarmente significativo: passo dopo passo, insieme, è possibile far fronte anche alle difficoltà più impegnative, certi della vicinanza di altre persone, essendo, a nostra volta, di aiuto a chi fosse nel bisogno.
Se ci pensiamo, è lo spirito che guida gli Amici di Lourdes: camminare, ed aiutare nel cammino chi ne abbia necessità, nella preghiera, nel servizio e nell’amicizia, certi del sostegno reciproco.In questo mese di maggio, rinnoviamo quindi il nostro affidamento a Maria, affinché, per intercessione di Santa Bernardette,continui ad accompagnare il viaggio di ciascunoe, nel contempo, sostenga con il Suo sguardo di madre il nostro Gruppo, donando la forza e la determinazione per continuare a dire il nostro“sì” al Signore.

Fra Valentino Bellagente, O.H.
Messaggio di Fra Valentino Bellagente in occasione dell'anno giubilare dedicato ai 450 anni dal riconoscimento della "Fraternità Ospedaliera di San Giovanni di Dio"

Carissime Amiche, carissimi Amici di Lourdes,
lo scorso 8 marzo abbiamo celebrato la solennità di San Giovanni di Dio, fondatore dell’Ordine dei Fatebenefratelli nonché patrono del nostro Gruppo.
Si tratta di una ricorrenza importante, per la nostra Famiglia e per gli Amici di Lourdes, che nel 2022 diventa ancor più significativa nell’ambito dell’Anno Giubilare dedicato ai 450 anni dal riconoscimento della “Fraternità ospedaliera di San Giovanni di Dio” che stiamo vivendo.
Continua...
Catechesi mese di Ottobre

Carissime Amiche, Carissimi Amici di Lourdes,
riprendiamo il nostro cammino di riflessione sulle parole del Santo Padre, leggendo insieme alcune parti della Lettera Apostolica “Candor Lucis Aeternae”, pubblicata in occasione del VII Centenario della morte di Dante Alighieri.
catechesi mese di novembre

Carissime Amiche, Carissimi Amici di Lourdes,
proseguiamo con la lettura di alcuni brani della Lettera Apostolica “CandorLucisAeternae” di Papa Francesco, che invita a riflettere sulla figura e sulle opere di Dante Alighieri.
“Nel mezzo del cammin di nostra vita mi ritrovai per una selva oscura, ché la dritta via era smarrita”:
catechesi mese di gennaio

Carissime Amiche, Carissimi Amici di Lourdes,
si sono da poco concluse le Festività Natalizie: auspico che queste giornate siano state per ciascuno occasione di serenità, gioia, preghiera e meritato riposo.
In questo inizio di anno nuovo 2022 riprendiamo la nostra lettura di alcuni brani dalla Lettera Apostolica “Candor Lucis Aeternae” di Papa Francesco, al fine di cogliere spunti utili per una riflessione personale.
Contatti
se vuoi sapere di più del nostro gruppo contattaci
Amici di Lourdes
sede di Piazza Matteotti 8
20063 Cernusco sul Naviglio Milano
Created with WebSite X5
Torna ai contenuti